Il nostro blog

Qui troverete notizie di settore per rimanere sempre aggiornati!

Le Terrazze condominiali

Le terrazze condominiali, luoghi abbandonati per anni, ma con un grandissimo potenziale.

Riscoperte durante il lockdown, le terrazze condominiali, sono state usate durante questo periodo di tempo, per evadere dagli appartamenti, prendere il sole, fare jogging, attività fisica all’aperto e via dicendo; insomma moltissimi di voi hanno riscoperto, durante questi due mesi di chiusura, un luogo che fino agli anni ‘50 è stato sempre utilizzato esclusivamente come lavatoio e zona attrezzata per stendere i propri panni.

In un periodo storico come questo, nel quale ci siamo dovuti adattare a nuove condizioni di godimento degli spazi, stiamo tutti rivalutando le aree esterne: la necessità di avere un luogo ampio e vivibile all’aperto ci ha dato l’idea di poter convertire le superfici inattive delle terrazze condominiali, a spazi comuni, fruibili dai condòmini stessi. 

La maggior parte delle terrazze condominiali ad oggi si trova in uno stato di completo abbandono, riscontrandone dunque la necessità di eseguire per queste ultime una ripetuta manutenzione; quindi a questo punto ci chiediamo: perché non approfittare degli sgravi fiscali per poterle sistemare e rendere vivibili da tutti noi? 

L’idea è quella di poter svolgere tutti i tipi di attività all’aperto: dal pranzo all’attività fisica, dal relax all’aperitivo, senza doversi necessariamente spostare da casa.

Da qualche anno a questa parte, fortunatamente, si è dato luogo alla nascita di un incremento di sensibilità verso le tematiche ambientali e paesaggistiche, moltissimi Stati infatti stanno cercando di correre ai ripari dei danni dovuti ai cambiamenti climatici: il Canada, la Danimarca e la Francia per esempio, hanno emanato una legge per cui obbligano la costruzione di nuovi edifici con tetti verdi; a Copenhagen invece, hanno costruito una pista da sci, dei sentieri per passeggiare, un bar, una palestra e dei lembi di terreno per accogliere la vegetazione, tutto su un impianto di termovalorizzazione.

Terrazzo3

Terrazzo1

Terrazzo2Credits: https://www.tribu.com/en/stories/testimonials/new-luxury-rooftop-gardens

Copenhill5Credits: https://twitter.com/VisitCopenhagen/status/1180015478749765632/photo/3

Copenhill6Credits: https://twitter.com/VisitCopenhagen/status/1180015478749765632/photo/4

Nel centro storico di Fukuoka in Giappone invece, è stato edificato un centro culturale costituito da circa 100.000 mq di giardini terrazzati; dove inizialmente vi erano previste ben 76 varietà di specie vegetali, giungendo poi con il tempo al raggiungimento di 120 varietà importate da uccelli e dal vento stesso portatori di nuovi semi. 

fukuoka prefectural international hall japan2Credits: https://twitter.com/METALOCUS/status/1300006344917880832/photo/1

fukuoka prefectural international hall japan1Credits: https://twitter.com/David_CCSS/status/949016869004029952/photo/1

Detto questo capite dunque l’importanza di aggiungere vegetazione alle nostre città?

La Robinson Tower a Singapore è invece un alto edificio a torre con una grande serra nel suo atrio e un giardino pensile con alberi nella sezione inferiore della struttura.

Robinson Tower1Credits: https://twitter.com/ArgentumPropert/status/1159005007246778368/photo/1

Robinson Tower2Credits: https://twitter.com/designboom/status/1156852325241282560/photo/3

Robinson Tower3Credits: https://twitter.com/designboom/status/1156852325241282560/photo/1

Il One Central Park, in Australia, è un fabbricato a carattere paesaggistico innovativo, oltre agli accorgimenti tecnici e bioclimatici, lo sviluppo verticale ha permesso di portare il parco anche verso il cielo e di dotare ogni appartamento non solo del suo balcone, ma anche del proprio pezzo di parco

One Central Park1Credits: https://twitter.com/YESYagla/status/1288882442275901443/photo/1

One Central Park2Credits: https://twitter.com/Sweety_Nature/status/1027471362791809024/photo/4

Il Giardino pensile di Crossrail Place a Londra, è un giardino esotico che unisce la Londra residenziale al quartiere degli affari di Canary Wharf, aperto dall'alba al tramonto, è costituito in parte da una grande copertura con un foro al centro utilizzato per l'irrigazione e la diffusione dei raggi solari. Il giardino è incentrato lungo una passerella che si dirama su altri percorsi, creando opportunità di incontri casuali e dando ai visitatori un ambiente di fuga dal contesto urbano.

Crossrail station1Credits: https://twitter.com/local_london/status/595619160777863169/photo/1

Crossrail station2Credits: https://twitter.com/PhilStow500/status/869176993748799488/photo/2

Crossrail station3Credits: https://twitter.com/PhilStow500/status/869176993748799488/photo/1

Crossrail station4Credits: https://twitter.com/iMhmd_HA/status/1060035679210688513/photo/2

Lo Sky Garden a Londra, è un giardino pensile unico che celebra la diversità delle piante, disposto su tre piani con viste a 360 gradi sulla città, coperto da un tetto a volta in vetro. Il particolare microclima creato ha ispirato una serie di micro-paesaggi.

Skygarden1Credits: https://twitter.com/Viaggio_Contigo/status/1177526104090767360/photo/1

Skygarden3 Credits: https://twitter.com/ilturista_info/status/563070099255750656/photo/1

Come vedete gli esempi sono infiniti e il nostro atteggiamento rispetto alla questione è di far capire quanto sia importante il verde nelle nostre città. 

La cementificazione ha portato a problemi relativi al deflusso dell’acqua piovana, con la conseguente congestione delle reti di drenaggio causando dunque allagamenti frequenti, ha portato poi alla formazione di isole di calore, cioè ad avere un clima più caldo all’interno delle aree urbane, complicazione alla quale si può ovviare in parte con la piantumazione di vegetazione sulle nostre terrazze, che oltre ad aiutare apportando un significativo abbassamento delle temperature, può contribuire a risolvere i problemi relativi al deflusso delle acque, trattenendone una parte. Altro contributo di fondamentale importanza apportato dalla vegetazione è proprio l’azione filtrante dell’aria che si raggiunge con l’utilizzo delle specie vegetali. 

Far capire quanto è importante il verde in città è vitale ed è il nostro obiettivo primario.

Gli usi delle terrazze condominiali possono essere molteplici e i più disparati; vi lasciamo dunque con alcuni dei suoi possibili utilizzi: 

  1. Pranzare all’aperto con tavoli e sedie, magari in una zona coperta da una pergola e da rampicanti
  2. Viverle come dei veri e propri polmoni verdi in città: da intendere come area verde attrezzata utilizzabile dai condòmini, dove poter rilassarsi, leggere o chiacchierare immersi nel verde
  3. Viverle come degli orti urbani sui tetti, dove è possibile coltivare i propri ortaggi, (attrezzando queste ultime con un’adeguata irrigazione e con una illuminazione d’effetto che farà il resto) 
  4. Costruire un’area ristoro su un tetto, un bar o un ristorante con annessa zona verde
  5. Praticare sport all’aperto sui tetti creando pertanto una zona fitness attrezzata
  6. Organizzare delle visite culturali sui tetti rinverditi della città, collocando su queste ultime anche delle installazioni artistiche visitabili dai cittadini.